SANITA’, ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI DENUNCIANO: INTROVABILI IN ITALIA FARMACI ANTITUMORALI E CONTRO PARKINSON   ESPOSTO AD AIFA, MINISTERO SALUTE E PROCURA. SI RICORRA AD ESERCITO PER FAR FRONTE A CARENZA DI MEDICINALI SALVAVITA

SANITA’, ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI DENUNCIANO: INTROVABILI IN ITALIA FARMACI ANTITUMORALI E CONTRO PARKINSON ESPOSTO AD AIFA, MINISTERO SALUTE E PROCURA. SI RICORRA AD ESERCITO PER FAR FRONTE A CARENZA DI MEDICINALI SALVAVITA

COMUNICATO STAMPA Cronaca nazionale 20 maggio 2019  SANITA’, ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI DENUNCIANO: INTROVABILI IN ITALIA FARMACI ANTITUMORALI E CONTRO PARKINSON  ESPOSTO AD AIFA, MINISTERO SALUTE E PROCURA. SI RICORRA AD ESERCITO PER FAR FRONTE A CARENZA DI MEDICINALI SALVAVITA Le associazioni dei consumatori Codacons, Articolo32, Adusbef e Assoconsum –  riunite in una nuova organizzazione denominata “Intesa 4.0” nell’intento di riuscire con più forza a tutelare i diritti degli utenti – hanno presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Roma, all’Aifa e al Ministero della Salute in merito alla carenza nelle farmacie italiane di alcuni importanti farmaci antitumorali e per la cura del morbo di Parkinson. Il farmaco Sinemet (contenente i principi attivi carbidopa e levodopa) è un farmaco utilizzato per il trattamento della sintomatologia connessa a Parkinson e sindrome parkinsoniana, che permette di alleviare numerosi sintomi della malattia quali la rigidità muscolare, il tremore e la difficoltà nel mantenere l’equilibrio, ed in ragione del suo importante ruolo costituisce una fondamentale risorsa per coloro che soffrono di tali patologie. Il farmaco Capecitabina è invece un antitumorale impiegato per il trattamento di alcune neoplasie, in particolare per tumori quali il carcinoma del colon, il carcinoma del colon-retto metastatico, il carcinoma gastrico od il carcinoma della mammella. Entrambi i medicinali – denunciano le associazioni di Intesa 4.0 – risultano sempre più introvabili nelle farmacie italiane, con evidenti conseguenze negative per i pazienti che ne fanno uso. Non a caso per la Capecitabina l’Aifa, con propria determinazione del 13/03/2019, ha autorizzato l’importazione del medicinale dall’estero al fine di garantirne l’utilizzo ai pazienti. Relativamente al farmaco Sinemet, invece, l’Aifa ha reso noto in questi giorni che potrebbero...
Antitrust: intesa nelle gare per l’assegnazione dei diritti internazionali del calcio in TV. Sanzionati MP Silva, IMG e B4 Capital per 67 milioni di euro

Antitrust: intesa nelle gare per l’assegnazione dei diritti internazionali del calcio in TV. Sanzionati MP Silva, IMG e B4 Capital per 67 milioni di euro

Antitrust: intesa nelle gare per l’assegnazione dei diritti internazionali del calcio in TV. Sanzionati MP Silva, IMG e B4 Capital per 67 milioni di euro L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha concluso un’istruttoria, lo scorso 24 aprile, accertando una violazione dell’art. 101, comma 1, del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea, nell’ambito delle gare per l’assegnazione dei diritti audiovisivi per la trasmissione in territori diversi dall’Italia (c.d. diritti internazionali) delle partite di calcio nelle competizioni organizzate dalla Lega Nazionale Professionisti Serie A (LNPA). Sulla base degli elementi raccolti nel corso dell’istruttoria, tra cui la documentazione trasmessa dalla Procura della Repubblica di Milano, è emerso che la partecipazione alle predette gare è stata oggetto, a partire dal 2008, di un’intesa restrittiva della concorrenza posta in essere da alcuni operatori riconducibili a MP Silva, IMG, e B4 Capital/BE4 Sarl/B4 Italia. L’intesa ha riguardato gli inviti a offrire della Lega Nazionale Professionisti Serie A, dei diritti audiovisivi internazionali per la trasmissione delle stagioni a partire dal 2008, relativi ai campionati di calcio di Serie A e B, da un lato, e la Coppa Italia e la Supercoppa Italiana, dall’altro. L’intesa accertata è restrittiva per oggetto, unica, complessa e continuata, di carattere segreto. Infatti, per ogni procedura di gara, le evidenze indicano che le parti non hanno formulato in autonomia le proprie offerte, ma hanno invece realizzato condotte tese ad influenzare reciprocamente le modalità di partecipazione alle gare al fine di contenere l’ammontare dell’offerta economica da presentare alla LNPA, limitando la reciproca competizione sul prezzo di acquisto dei diritti internazionali. In particolare, attraverso la stipulazione di contratti antecedenti alle singole gare e contatti...
CONSIGLI UTILI – Il Conto Corrente in semplici parole

CONSIGLI UTILI – Il Conto Corrente in semplici parole

CONTO CORRENTE BANCARIO Lo strumento fondamentale per gestire il tuo denaro, tramite i seguenti servizi: Accredito stipendio o della pensione Pagamenti Incassi Bonifici Domiciliazione delle bollette Carta di debito Carta di credito Assegni Il cliente può versare o ritirare denaro dal conto in qualsiasi momento PRIMO STEP: ANALIZZA LE TUE NECESSSITÀ DI TUTTI I GIORNI Le tue esigenze sono personali o legate alla famiglia? Quante operazioni pensi di fare ogni mese? È sufficiente la carta prepagata o potresti aver bisogno di una carta di credito? Utilizzerai il conto anche per pagamenti ricorrenti come affitti, utenze, telepass, rate del mutuo? in tal caso chiedi la DOMICILIAZIONE SECONDO STEP: COME APRIRE IL CONTO: scegli la banca che preferisci e recati in filiale o, in alternativa consulta il suo sito internet RICORDA: la documentazione è finalizzata alla valutazione attenta e ad una scelta consapevole e non comporta alcun vincolo o impegno a concludere il contratto. I TIPI DI CONTO: Le banche italiane hanno moltissimi tipi di conto, ecco i più diffusi: 1. CONTI ORDINARI: noti anche come “conti a consumo”. Le spese del conto sono strettamente legate alle operazioni effettuate dunque più operazioni si fanno, più si spende. 2. CONTI A PACCHETTO: per questi conti è previsto un canone fisso in base al quale sono disponibili un numero di operazioni gratuite che può essere limitato o illimitato. 3. CONTO DI BASE: è soggetto al pagamento di un canone annuo e la corrispondente possibilità di effettuare un numero limitato e circoscritto di operazioni. consigliato a chi ha esigenze finanziarie limitate. 4. CONTI IN CONVENZIONE: riservati a determinate categorie di clienti che avranno cosi...
Pagamenti digitali: presentata la nuova Guida Consumatori 2019

Pagamenti digitali: presentata la nuova Guida Consumatori 2019

Pagamenti digitali: presentata la nuova Guida Consumatori 2019 A Bologna la prima tappa del road show per la presentazione del volume realizzato dal Movimento Difesa del Cittadino in collaborazione con la coalizione C4DiP (MDC, Asso-Consum e U. Di. Con.) Bologna, 28 marzo 2019 – È stata presentata oggi la nuova Guida Consumatori Sui Pagamenti Digitali realizzata dal Movimento Difesa del Cittadino in collaborazione con la coalizione C4DiP – Consumers for Digital Payments (MDC, Asso-Consum, U. Di. Con.), nata con l’intento di colmare il gap informativo dei milioni di consumatori che, in assenza di un’adeguata educazione finanziaria, si avvicinano oggi ancor troppo disinformati ai più moderni sistemi di pagamento digitali.   Hanno preso parte alla presentazione Francesco Luongo, Presidente MDC e C4DiP – Consumers for Digital Payments (MDC, Asso-Consum e U. Di. Con.), Antonio Leonetti, Presidente Regionale Asso-Consum Emilia-Romagna, Vincenzo Paldino, Vicepresidente nazionale U.Di.Con, Pier Giorgio Ardeni, Professore di economia politica e dello sviluppo e Presidente dell’Istituto Cattaneo e Maurizio Morini, Direttore generale dell’Istituto Cattaneo.   “La spinta propulsiva data a livello europeo ai servizi di pagamento digitale ha reso necessario realizzare una guida che mira a essere uno strumento chiaro e semplice al servizio dei consumatori. – racconta Francesco Luongo presidente di MDC e C4DiP – Spiegare ai consumatori quali sono i loro diritti e doveri per effettuare scelte consapevoli tramite l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronici è il motivo stesso per cui è nata la nostra coalizione. La guida è lo strumento che ci permette di inserirci ulteriormente in questo periodo di mutamento della customer experience, in cui i consumatori devono poter interpretare correttamente i nuovi strumenti per...
SALDO E STRALCIO DEBITI TRIBUTARI?

SALDO E STRALCIO DEBITI TRIBUTARI?

1 – SALDO E STRALCIO DEBITI TRIBUTARI? A breve scade la possibilità di chiudere i conti con lo Stato! Cosa succede? La legge di bilancio n. 145/2018 ha ampliato gli strumenti di definizione agevolata dei debiti tributari dei contribuenti nei confronti del Fisco. Dopo la prima “Rottamazione” con il D.L. 193/2016 e l’ultima “Rottamazione ter” voluta con il D.L. 119/2018 (ancora in essere), sta per arrivare la scadenza del c.d. “saldo e stralcio”: 30 aprile 2019. Attenzione però: solo i debiti affidati all’Agenzia delle Entrate – Riscossione risultanti in carico al 31 dicembre 2017 possono essere oggetto di definizione agevolata. Cosa si deve valutare? Innanzitutto, occorre vagliare la reale volontà del contribuente di estinguere i debiti con il Fisco unitamente a verificare le effettive condizioni economiche di pagamento (in termini di capacità). Quindi, se il contribuente possiede il c.d. documento “ISEE” fino a 20.000,00 euro: – con valore ISEE inferiore ad euro 8.500,00, può estinguere il debito complessivo pagando solamente il 16%; – con valore ISEE inferiore ad euro 12.500,00, può estinguere il debito complessivo pagando solamente il 20%; – con valore ISEE superiore ad euro 12.500,00, può estinguere il debito complessivo pagando solamente il...