Esposto – Fondi forniti alle ONG italiane

Esposto – Fondi forniti alle ONG italiane

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

Il sottoscritto Ettore Salvatori in qualità di Presidente e legale rappresentante dell’associazione denominata “ASSO-CONSUM- Associazione per la difesa dei consumatori, degli utenti e dei
cittadini nel campo della vita, dei consumi consapevoli, dell’eco-ambiente, del territorio, dell’energia e delle telecomunicazioni” con sede in Roma , Via Nizza 51, C.A.P. 00198, CFeP.I
07950490636 iscritta nell’elenco delle associazioni dei consumatori e degli utenti rappresentative a livello nazionale (C.N.C.U.) di cui all’art 137 del D.lgs. 6 Settembre 2005, n° 206 ( Codice del
Consumo) visto il D.M del 28.06.2010 ( in G.U n°163 del 15. 07. 2010), espone quanto segue.

Oggetto: Esposto

il giorno 30-04-2019, la trasmissione televisiva, “le iene “, in onda su canale 5, servito da Mediaset S.p.A., ha denunciato una cattiva gestione dei fondi forniti alle Ong italiane impiegate in vari paesi
del Nord Africa, specialmente la Libia. In particolar modo si poneva la lente di ingrandimento su quelle ong che si occupano della rieducazione e re inserimento dei detenuti libici. Il giornalista ha
intervistato alcuni ex detenuti i quali avrebbero fornito delle raccapriccianti testimonianze. Stando ai loro racconti, nulla risulta pervenire per il loro fabbisogno in vettovaglie, alimenti, pulizia,
coperte ecc. forniti dalle sotto elencate società. I migranti trattenuti nei campi profughi dichiarano che solo in occasione di visite di organi internazionali vengono forniti loro questi generi di
sussistenza che vengono immediatamente ritirati al termine della giornata. Le ong sotto elencate intervistate da “le iene “ribadiscono il loro unico vincolo consistente nella consegna dei beni sopra
citati, senza avere peraltro la possibilità di controllarne l’effettiva destinazione. Tra le ong citate dal programma risultano:

  • CESVI ONLUS
  • EMERGENZA SORRISI
  • HELPCODE

SI CHIEDE AL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE:

  • DI CHIARIRE COME AVVENGA EFFETTIVAMENTE IL CONTROLLO SULLA MERCE DISTRIBUITA AI MIGRANTI E IL LORO EFFETTIVO UTILIZZO.
  • CONSIDERARE LA POSSIBILITÀ DI AVVIARE UN’INCHIESTA SU QUANTO EMERSO DAL PROGRAMMA ED EVENTUALMENTE SOSPENDERE I FONDI ALLE ONG IN QUESTIONE.
print

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *